La notte dimenticata dagli angeli di Kirino Natsuo

Il libro protagonista della rubrica Giappone di carta di questo mese è il romanzo La notte dimenticata dagli angeli di Kirino Natsuo.

Kirino Natsuo è una scrittrice giapponese molto apprezzata e sicuramente una delle più famose, ma nonostante ciò io non avevo mai letto nulla di suo. E’ stato un po’ un battesimo e devo dire che, nonostante il genere di questo libro (un giallo noir) non fosse proprio nelle mie corde, la lettura è stata piacevole.

La notte dimenticata dagli angeliIl ritmo di scrittura è molto gradevole, insomma è un libro che si fa leggere.


Di cosa parla? La notte dimenticata dagli angeli segue le vicende investigative di Murano Miro, figlia di un detective, sulle tracce di una misteriosa ragazza che pare scomparsa nel nulla. Gli ambienti in cui Miro dovrà investigare sono quelli loschi e pericolosi della cinematografia porno giapponese con un vago sentore di yakuza, violenza e altre cose che poco si addicono ad una signorina.Libri giapponesi Kirino Natsuo


Sullo sfondo del romanzo, emerge una Tokyo cupa: un appartamento a Shinjuku e i locali malfamati di Kabukicho sono i luoghi privilegiati in cui si svolgono le azioni, luoghi che dalla penna di Kirino si animano e prendono vita.

Ma la cosa che più mi è piaciuta di questa scrittrice è che, mentre la trama scorre e i capitoli si susseguono, emergono in pieno anche i temi principali del libro, temi che non vengono affrontati in maniera diretta, ma di cui il libro è pregno e su cui il lettore si sofferma inesorabilmente: la donna, il suo ruolo nella società giapponese e, non da ultimo, la solitudine.

Letture giapponesi La notte dimenticata dagli angeli

Insomma, un romanzo che mi ha catapultata nella mia amata Tokyo, seguendo curiosa le vicende della protagonista. Un romanzo che non è di certo il migliore che abbia mai letto, ma che mi è piaciuto molto, che non mi ha mai annoiata e che per questo vi consiglio di leggere se siete alla ricerca di un libro per svagarvi un po’.

“Quando hai delle cose che vuoi dimenticare, è meglio che la situazione intorno a te cambi il più possibile. Per fortuna Shinjuku è un posto in costante trasformazione, sembra fatto su misura per una donna ingrata come me.
I cambiamenti continui ti impediscono di trovare un minimo di serenità, però allo stesso tempo ti paralizzano il cuore e ti aiutano a dimenticare le cose tristi.”

 

Scheda
Genere: romanzo giallo – noir
Tema: la donna, la solitudine e una cupa Tokyo sullo sfondo delle vicende investigative di Murano Miro che indaga all’interno del mondo del porno giapponese
Da leggere perché: Kirino Natsuo è una delle scrittrici giapponesi più apprezzate
Voto: 8