Amici di penna e blogger: rewind ottobre

Quando ero una piccola rana avevo un’amica di penna. Una ragazza inglese della mia età con cui mi scrivevo lettere e a cui raccontavo le mie giornate, le mie vacanze, le mie passioni. Lettere, si. Lettere di carta. Quelle che scrivevi a mano, poi ficcavi in una busta, leccavi il francobollo e infilavi nella buca della posta.

Quanto fa retrò questo ricordo, vero?

Pare passato un secolo, ma vi assicuro che non sono così vecchia. Giuro!

Eppure, questo mese ho pensato tanto alla mia amica Sian e alla nostra relazione a distanza ed il pretesto è stato il TTG Incontri, la Fiera del Turismo, un momento in cui ho avuto modo di vedere, o rivedere, tanti amici blogger che vivono lontani da me e che di solito sento solo sui social.

Bang!

Vuoi vedere che alla fine questi social non sono poi nulla di così innovativo? Dopotutto sono solo un modo per mettere in contatto, e in maniera anche abbastanza semplice, persone che si trovano a distanza. Ok, a volte qualcuno si fa prendere la mano e chatta anche col fratello nella stanza accanto. Ma lasciando perdere certe deviazioni piuttosto pittoresche, mi sono accorta che quello che i social hanno portato nella mia vita non sono altro che tanti amici di penna virtuali. Persone con cui interagisco giornalmente, che hanno i miei stessi interessi, le mie passioni e con cui mi sento profondamente in sintonia. In una parola: amici.

E’ stato strano, ma ho realizzato che con qualcuno, non certo tutti ma parecchi, sono riuscita ad instaurare un vero e proprio rapporto di amicizia, una fiducia piena. E trovarsi finalmente faccia a faccia, è stato davvero davvero bello.

Con la mia amichetta inglese delle medie questa cosa non è stata possibile. Non ci siamo mai incontrate nella vita reale. Ci siamo scritte a distanza per anni, alimentando la nostra amicizia su carta. E, ahimè, quella sì che è rimasta un’amicizia virtuale.

Che si tratti di amicizia virtuale o reale, non è questo il punto. Il punto è che tutta questa innovazione social, questa ventata di novità alla fine non è altro che una reinterpretazione di un vecchio concetto: amici di penna! Ecco cos’è! In fin dei conti ero già una rana social negli anni ottanta, quando mi scrivevo con la mia amica di penna e le mandavo foto delle vacanze e adesivi con i cuori. Anni prima degli album delle foto su Facebook e del cuoricino di Twitter. Non per vantarmi!

Insomma, convenite con me che Facebook, Twitter, Instagram e Snapchat (anzi no, Snapchat lo odio, Snapchat no) non hanno inventato nulla di nuovo?

Fatemi sapere che cosa ne pensate e se mi sono bevuta il cervello un’altra volta.

Nel frattempo, in attesa delle vostre risposte, vi lascio i suggerimenti di video e letture che ho scovato in giro per il web in questo Ottobre appena trascorso.

Ecco qui.

1 – ONE

Il video di questo mese ci porta in Scozia, in un’avventura che ha il sapore selvaggio della natura incontaminata. 10 giorni, 6 instagramer e un viaggio on the road di 2000 chilometri per raccontare lo spazio e il silenzio. Io davanti a questo video ho avuto i brividi. Voi che ne pensate? questo capolavoro è stato realizzato da Riccardo & Pier Giulio, vi lascio anche il link ai loro profili Instagram, così potete dare un’occhiata anche alle loro foto.

 

2 – TWO

Il post che vi segnalo questo mese ci porta alla scoperta un itinerario carico di architettura. Come sapete, anche io amo molto arricchire i miei itinerari con questo genere di visite, quindi non ho resistito quando ho letto il titolo di questo post: Art Nouveau a Riga – Itinerario di architettura. Che ne dite? Stuzzica la curiosità, vero? Provate a dare un’occhiata al post e alle foto e ditemi se non vi viene subito voglia di partire. Lei è Claudia e il suo blog è Viaggi Verde Acido.

Riga itinerario art nouveau

Photo via Viaggi verde acido

3 – FRIDA

Tra i miei post di Ottobre, vorrei segnalarvi quello dedicato a Mantova, una città che ho amato e che è davvero un piccolo gioiellino. Grazie a questo post mi hanno anche intervistata in radio: aiuto aiuto, me la facevo sotto!

cosa vedere a mantova in un giorno

E per questo rewind è tutto. Spero vi sia piaciuto, io mi diverto sempre un mondo a scriverli!

Ci sentiamo prestissimo

Baci verdi

Frida