cavernago blogtour bergamo

Cavernago: blogtour alla scoperta della provincia Bergamasca

Eccomi qui a parlarvi di un nuovo blogtour. Eh, si l’ho rifatto! Dopo l’esperienza di #MilanoAColori dell’anno scorso,  ne ho organizzato un altro quest’anno e ne sono anche tanto felice. Questa volta non si parla più di Milano, ma di Bergamo e più precisamente della provincia di Bergamo. Ora vi racconto come è nato questo blogtour e perché.

L’occasione: il romanzo Le “trame di Bea”

Il 13 maggio, nella splendida cornice del Castello di Cavernago, si è tenuta la presentazione ufficiale del libro “Le trame di Bea” di Mara Bozzolan e Annalisa Nozza. Il libro è edito da Alterego e distribuito nel circuito Mondadori, Feltrinelli e Giunti. È un romanzo con intrecci storico amorosi ambientato nel castello di Cavernago. La prefazione è curata dallo storico Gabriele Medolago.Le trame di Bea

L’uscita del libro è l’occasione per fare promozione turistica del territorio tramite un percorso letterario in una zona che è ricca di storia e castelli. E lasciatemelo dire: è anche un modo di fare promozione molto particolare! Avevate mai sentito di una promozione turistica realizzata tramite un romanzo? A me l’idea è piaciuta tanto, così tanto che ho pensato che sarebbe stato bello accostare alla promozione del libro anche un blogtour nelle terre in cui il romanzo è ambientato. (altro…)

Kamakura: 5 cose da vedere

Kamakura: 5 cose da vedere (oltre al Grande Buddha)

Kamakura è la classica meta per una gita in giornata da Tokyo. E’ una cittadina deliziosa: famosa per il Daibutsu, il Grande Buddha, ma anche piena di templi e di cose da vedere e da fare.

Visto che le cose da vedere sono tante, vi toccherà scegliere ed organizzare bene la giornata.

Kamakura è immersa nel verde nonostante si trovi a solo 50 chilometri da Tokyo. E’ ricchissima di templi tanto da ricordare una piccola Kyoto. In molti consigliano percorsi zeppi di visite ai suoi templi, ma io sono per la qualità prima della quantità, quindi vi consiglio di selezionarne pochi ma buoni. Ecco allora che ho scelto per voi 5 attrazioni da inserire nel vostro itinerario, oltre ovviamente alla visita al grande Buddha che in una gita a Kamakura non può mancare. E partiamo proprio da lui.

Il Grande Buddha (Daibutsu) di Kamakura

L’attrazione più famosa di Kamakura è senza dubbio il Grande Buddha situato all’interno del tempio Kōtoku-in, che non ha bisogno di presentazioni perché l’avrete di sicuro visto rappresentato in mille fotografie. E’ alto più di 13 metri ed è il Buddha in bronzo più grande del Giappone. Originariamente era custodito all’interno di un tempio di legno che è andato distrutto durante lo tsunami del 1495.

Una cosa curiosa nella visita al Daibutsu è la possibilità di visitarlo dall’interno: per pochi spiccioli infatti si può entrare dentro alla statua. Nulla di eccezionale, ma non costa molto ed è un’esperienza quasi unica. (altro…)

Lago di Como: cosa vedere

Lago di Como: tra ville storiche da visitare e cose curiose da vedere in città

Il Lago di Como è una piccola perla del nord Italia incastonata tra le prealpi lombarde. E’ un luogo meraviglioso per il suo paesaggio, con i monti che si tuffano ripidi nelle acque verdi del lago punteggiate qua e là da paesini pittoreschi. E’ un luogo unico grazie alle tante ville settecentesche che adornano le sue sponde e che le impreziosiscono con le loro opere d’arte. E se a qualcuno mancasse la città, Como offre tante possibilità per fare shopping, sedersi a prendere un gelato o ammirare da vicino il Duomo e altri prodigi dell’architettura come palazzo Terragni.

Mi è capitato molto spesso di conoscere stranieri affascinati dal Lago di Como, tanto da citarlo tra le top 5 destinazioni italiane, a volte subito dopo Roma o Firenze. Americani e Giapponesi stravedono per queste zone e spesso le includono nei loro tour della penisola. E noi Italiani? Non vorremo mica essere da meno!

Se abitate in Lombardia o se avete in programma un weekend o un ponte a Milano, potreste valutare di inserire Como tra le vostre prossime mete per un weekend. (altro…)

Chatuchak weekend market di Bangkok

Chatuchak weekend market di Bangkok: come arrivare e poi tornare a casa sani e salvi

Se visitate Bangkok nel weekend non potete perdervi una visita al più grande mercato della Thailandia: il Chatuchak market (o anche Jatujak market o JJ market). Questo è il regno incontrastato dello shopping a basso costo: qui si compra, si compra, si compra! Ma soprattutto si fanno grandi affari low cost!

Frida, cosa si trova al Chatuchak market? Di tutto!
Si ma Frida, cosa si compra al Chatuchak market? Di tutto!
Frida, come si organizza una visita al Chatuchak market? Ora ve lo spiego!

mercato di Bangkok

Come organizzare una visita al mercato di Chatuchak: uno dei mercati più grandi del mondo

Come arrivare al Chatuchak da qualunque zona di Bangkok

Arrivare al Chatuchak market è abbastanza semplice.

Potete optare per la linea Skyline (BTS) e scendere a Mo Chit (N8) che si trova sulla Sukhumvit Line. Da qui vi consiglio di passare per il Chatuchak Park in modo da schivare un po’ di coda. Nel parco infatti c’è un sentiero “scorciatoia” per raggiungere il mercato e poi è un parco carino.scorciatoia per il chatuchak park

Oppure potete prendere la metropolitana (MRT) e scendere alla fermata Chatuchak Park.

In alternativa potete prendere un taxi. In questo caso, prima di salire a bordo, chiedere che venga utilizzato il tassametro, altrimenti vi ritroverete a pagare molto più del dovuto.

Io sono arrivata al Chatuchak prendendo la navetta dell’hotel dove alloggiavo, il Chatrium Hotel, che mi ha portato alla più vicina fermata della skyline navigando sul Chayo Phraya e da lì ho preso la skyline fino a Mo Chit. Se anche voi soggiornate in un hotel lungo in fiume, informatevi se offrono un servizio di questo tipo.come arrivare al Chatuchak market

Come è organizzato il mercato di Chatuchak

Il mercato più grande di Bangkok è organizzato come un girone infernale. Attorno a una piazzetta centrale, quella con l’orologio peraltro molto fotografata, si arrotolano corridoi infiniti di bancarelle. Perdersi è molto semplice, ma potrebbe esservi utile capire come è organizzato il mercato. (altro…)

I love Tokyo di La Pina: un viaggio nella capitale del Sol Levante

E così La Pina ha scritto un libro:I love Tokyo”. E io potevo non comprarlo? Un viaggio nella capitale del Sol Levante accompagnati da una colonna sonora di Emiliano Pepe. Non si tratta di una guida, né di un romanzo, come La Pina stessa scrive: è una canzone d’amore per il Giappone. E io l’ho adorato.
Ragazzi, diciamoci la verità: Tokyo è la città più bella del mondo e La Pina è una delle persone che più mi piacciono, questa abbinata per me è irresistibile e ora vi racconto tutto. (altro…)

Close