#viviamopositivo: una nuova avventura on the road

Se mi seguite su facebook sapete già che sono in partenza per una nuova avventura. Si tratta di un viaggio on the road ed io sto più nella pelle.

Sono stata a lungo combattuta se scrivere questo post. Non volevo svelarvi la sorpresa. E anche ora che mi sono decisa a scrivere… penso che non vi racconterò proprio tutto, perché come sempre sono una rana birichina, ma anche perché mi piacerebbe farvela vivere un po’ così, giorno per giorno, proprio come la vivrò io.

Provenza

Come si organizza un viaggio on the road?

Pianificare un viaggio

Diciamo la verità, Frida! Questa storia di partire all’avventura non è proprio nelle tue corde, eh?

Verissimo! Oserei dire che non fa proprio per me! Io sono una mega organizzatrice, soprattutto se parliamo di viaggi!

Prima di partire mi documento su tutto: leggo guide, studio itinerari, programmo il viaggio giornata per giornata.

Qualcuno potrebbe prendermi per pazza, e chi ha detto che non lo sono? Altri magari potrebbero darmi della maniaca oppure potrebbero essere presi da attacchi di ansia generati da tutta questa programmazione. A me in realtà piace! Mi piace da morire sapere che la mattina del tal giorno visiterò un museo, per poi fare un pic nic al parco e passare il pomeriggio a spasso per il tal quartiere.pianificare il viaggio

In certi viaggi mi sono segnata anche i posti dove andare a fare colazione o i negozi dove fare shopping! Sono al limite della follia, me ne rendo conto, ma io provo un piacere immenso a pianificare in questo modo. E’ un po’ come pregustare il viaggio, prolungarlo nel tempo, anticiparne qualche dettaglio.

Poi per carità, i fuori-programma capitano anche a me e non li rifiuto mai, anzi! Sono il bello del viaggio! L’imprevisto che mi spiazza! Che mi fa dire: caspita! Questo non l’avevo previsto! E di solito sono sempre belle sorprese.

Voi come organizzate i vostri viaggi? Vi piace pianificare?

Ecco, diciamo che il viaggio che sto per fare non mi ha consentito di pianificare un bel niente! Ho definito un itinerario, certo! Ma nulla di più. Insomma, so dove dormirò la notte, ma non ho idea di come riempirò le mie giornate.

Dovrò affidarmi al destino, lasciarmi guidare, vivere una vera avventura.

Voi cosa dite: ce la farò?
Io spero proprio di si, anche se ora nel pre-partenza sono in fibrillazione perché mi mancano i miei cari planning.

Una fantastica avventura

Ora, so che ho parlato per mezz’ora e ancora non vi ho raccontato nulla del viaggio. Ma vi sto lasciando degli indizi, eh!
Per esempio, vi ho detto che sarà un viaggio on the road.
E che sarà una fantastica avventura.
Che altro posso dirvi?

Beh, gli elementi fondamentali del viaggio! Che sono:

  • una rana
  • un’ape
  • e tè verde, preferibilmente a colazione.

Qualcuno ha indovinato?

Cosa mi aspetta

Andrò alla scoperta di posti meravigliosi: vi mostrerò il mare, la campagna, paesi e città. Incontrerò tanta gente, ne sono sicura. Voglio farmi un bagno nella gente! Stringere mani, incrociare sorrisi, scambiare opinioni. E poi di sicuro mi toccherà mettermi in gioco, perché tutto questo costerà un po’ di fatica, spirito di adattamento, ma soprattutto la capacità di lasciarsi andare e lasciare che le cose succedano.

Cosa mi porto

Tanto per sottolineare quanto questo viaggio sia pazzo, parto con uno zaino. Si, io, Frida, parto zaino in spalla. Uno zaino che ho comprato nel 1998, quasi un pezzo vintage, e che ho usato… una volta sola! E’ tornato utile! L’ho riempito con i miei vestiti (pochi), un libro, un blocco per gli appunti e la mia voglia di meravigliarmi (tanta). E viaggerò così. Leggera.zaino in spalla

Cosa lascio a casa

Lascio a casa la piastra dei capelli (tanto comunque è una partita persa), i cambi di troppo e la paura di non aver organizzato tutto. Lascio quella parte razionale del mio cervello che ogni cinque minuti mi domanda: ma ti sei ricordata di prendere tutto? La lascio a casa, tanto la ritroverò al mio ritorno. In questo viaggio non serve.
E ora che vi ho raccontato queste cosine… che ne dite: vi va di seguirmi?

L’hashtag ufficiale di questo viaggio è #viviamopositivo, e io mi sto preparando al giusto mood!

Mi troverete su tutti i miei social (snapchat incluso!!!) che aggiornerò non appena possibile! Ovunque il mio account è onetwofrida.

Ma in questo viaggio penso per privilegerò in modo particolare facebook! Quindi che ne dite di andare subito a mettere un bel “mi piace” alla mia pagina? Io ci conto, eh!

E conto di sentirvi nei prossimi giorni!
Fatemi un grande in bocca al lupo e via! Che l’avventura abbia inizio!!!

Baci verdi!

Frida