Dove mangiare a Barcellona

Se c’è una cosa che a Barcellona non manca sono i posti dove mangiare e soprattutto dove mangiare bene!

Non so se anche a voi fa lo stesso effetto, ma la cucina spagnola mi mette allegria! Le tapas sono l’invenzione più geniale di tutto il panorama culinario europeo, un modo simpatico di cenare e passare del tempo in compagnia di amici, spizzicando e divertendosi. Il solo pensiero mi mette di buon umore. A voi no? Discorso analogo per la sangria-ia-ia-iaaa! Certo, uno non deve esagerare, che se ci si fa prendere la mano è un attimo incappare nei classici effetti collaterali, tipo: abbuffata di tapas il primo giorno, lingua felpata garantita per tutta la vacanza con quella sensazione come di… assorbimento!

Dopo varie vacanze in Spagna, ho imparato però che se si riesce a resistere al fascino del fritto, si può gustare il meglio della cucina spagnola senza troppi rimorsi e poi, se ci scappa uno sgarro… che cavolo! Siamo in vacanza!

Quelli che seguono sono alcuni posti che ho testato personalmente e che mi sono piaciuti, per cui ve li consiglio molto volentieri.

CENA

Iniziamo da Cachitos Rambla, un locale che mi è piaciuto tantissimo!

Si trova sulla Rambla de Catalunya, una via parallela a Passeig de Gracia, praticamente la prosecuzione della Rambla oltre Placa Catalunya. La zona è molto carina, con dei bei palazzi. Lungo il tratto che da Placa Catalunya conduce al Cachitos Rambla ho notato altri localini carini in cui sarei entrata volentieri. Purtroppo non li potevo provare tutti… ma se voi ci siete stati, fatemi sapere come vi siete trovati.

Il Cachitos è un ristorante che definirei cool. L’ambiente è molto curato: si va dal bancone del barman con lampade a sospensione e poltroncine, a dei tavolini bassi con divanetti, passando per tavolini alti con sgabelli, per finire con una veranda con piante e lampadari che definirei modello “liana”.

Cachitos Rambla - Barcellona Cachitos Rambla - Barcellona Cachitos Rambla - Barcellona La cucina prevede piatti tipici della cucina spagnola. Io ho assaggiato la paella di carne e l’ho trovata divina. Si trovano anche tapas e piatti di pesce. I dolci non sono tipicamente spagnoli, ma sono comunque buonissimi. Il prezzo direi che è medio, forse medio-alto considerando che siamo a Barcellona. Io amo questo genere di posti, in cui oltre a una buona cucina, si può godere anche di un ambiente ricercato. Il rischio, quando si viaggia e si cercano locali di questo tipo, è quello di finire in un ristorante di design stile scandinavo a Palermo o in uno che richiama un suk marocchino a Berlino. Ovvero, di trovare magari posti belli, ma poco caratteristici. Il Cachitos devo dire che è un buon compromesso, sarà forse per le foto dei toreri nella veranda o per i bottiglioni appesi all’ingresso, ma questo posto mi è piaciuto e lo promuovo.

Altro ristorante per una cenetta carina è MariscCO in Placa Reial. Se c’è una cosa che non sopporto è finire in una trappola per turisti e, quanto a locali “spela-polli”, la zona di Placa Reial non scherza. E’ piena di ristorantini con i classici butta-dentro e menù con le foto raccapriccianti di piatti di paella in perfetto stile 4-salti-in-paella! Purtroppo eravamo alle cozze, il posto che avevamo adocchiato era zeppo, e noi stanche e affamate abbiamo ceduto e siamo entrate da MariscCO e… sorpresa! Un localino proprio carino, dove abbiamo mangiato bene e siamo rimaste soddisfatte. Come tutti gli altri ristoranti della piazza, anche MariscCO offre la possibilità di mangiare in un tavolino all’aperto direttamente sulla piazza. Che dire? La Placa Reial è bellissima e in una calda sera d’estate dev’essere uno spasso. Visto il clima, però, noi abbiamo preferito entrare. Anche qui l’ambiente mi è piaciuto molto. Da un lato il bancone del bar con una sfilza di bottiglie allineate e illuminate, menù con disegnini e font simpatici su lavagne appese sopra al bar, colonne in ferro decorate e pianoforte in sottofondo.

MariscCO - BarcellonaHo ordinato dei gamberi e sangria. Il giudizio sul cibo è positivo.

MariscCO - BarcellonaPer dolce abbiamo preso una crema catalana che era buona, anche se non stratosferica. Il prezzo, viste le porzioni, è anche in questo caso medio-alto, ma siete in Placa Reial, che vi pretendete?

 

PRANZO

Un posto abbastanza carino per il pranzo è Tapa Tapa che, come forse avrete capito dal nome, propone una serie infinita di tapas.

Tapa tapa - BarcellonaSi va dai montaditos ai fritti, non mancano le patatas bravas e il più tipico Jamon Iberico (che è talmente buono da meritarsi la Maiuscola!).

Tapa tapa - BarcellonaTrovate un Tapa Tapa proprio davanti alla casa Batllò e un altro al Mare Magnum, in fondo alla Rambla de Mar. Li ho provati entrambi e, sebbene siano dei tipici-posti-da-turisti, non me la sento di bocciarli. Si mangia bene, si spende poco, sono posizionati benissimo in modo da essere comodi comodi sui luoghi più frequentati dai turisti. Purtroppo non posso dire che siano velocissimi nel servizio, almeno non lo sono stati nel mio ultimo weekend a Barcellona, 2 settimane fa, quando ho provato quello vicino alla Batllò. Ma anche questo stile rilassato aiuta a calarsi a pieno nei ritmi della città, no? E se ci si siede a tavola alle tre meno un quarto e ci si alza che sono le quattro la passate, che problema c’è?

Tapa tapa - Barcellona

Se anche voi, quando viaggiate, non sentite l’esigenza di un pranzo completo primo-secondo-frutta-dolce-caffè-ammazzacaffè, allora potrete divertirvi spizzicando qualcosa alla Boqueria, il mercato che si trova proprio lungo la Rambla.

Boqueria - BarcellonaGirando per il mercato si trovano banchi che vendono un po’ di tutto, dai prosciutti al pesce, passando per tapas e frutta fresca.

Boqueria - BarcellonaAlcuni banchi, pochi per la verità, offrono anche qualche sgabello, che intorno all’ora di pranzo diventa più ambito del palco d’onore alla Scala. Visto che girare per Barcellona mette a dura prova piedi e schiena, ammetto che sedersi per una mezz’oretta a riposare durante il pranzo non è proprio un’idea malvagia. Quindi, se non trovate posto, i miei suggerimenti sono 2: potete provare ad accaparrarvi un tavolo nei ristorantini che circondano il mercato e che offrono prodotti abbastanza tipici oppure potete spizzicare qualche cibo tipico acquistato alle bancarelle mentre girovagate per il mercato e poi concedervi una pausa per il caffè seduti ad un baretto. Nel caso scegliate questa seconda opzione, ho un posticino da consigliarvi.

 

DOLCI e CAFFE’

Usciti dalla Boqueria, facendo pochi passi sulla Rambla in direzione del mare, troverete alla vostra destra Escribà, una pasticceria storica che è un vero gioiellino.

Escriba - BarcellonaEscriba - BarcellonaMosaici, vetrate, mobili d’epoca  guardano le spalle di un bancone pieno di dolcezza, e per non farci mancare quel tocco tipicamente spagnolo, c’è pure una madonnina con le sue belle candele.

Escriba - BarcellonaLa saletta è piccola, ma potrete accomodarvi a un tavolino e sorseggiare un caffè, magari accompagnato da un dolcetto al cioccolato che è la specialità di questa pasticceria.

 

In zona Raval, invece, ho assaggiato un cupcake di Cup&Cake. Lo so, lo so, sei a Barcellona e ti mangi un cupcake? Uffa, che noia! Si, non avevo fame, avevo voglia di qualcosa di buono e un capcake piccino picciò ci stava proprio bene! Ecco.

Cup & Cake - Barcellona Cup & Cake - BarcellonaLo shop in Carrer Tellers è proprio minuscolo e non dispone di tavolini che invece sono disponibili negli altri shop in giro per la città. Il cupcake Red Velvet era burrosissimo, ma buono. Se passate di lì, fateci un pensierino.